Eccomi. Un’avventura appena iniziata

Il libro

Eccomi un’avventura appena iniziata. Di Simone Riccioni. Guardando il mondo dal punto di vista di una bicicletta: non è importante chi pedala, ma dove ti porta e quanto velocemente. “Eccomi” ha il desiderio di far continuare a credere nei propri sogni, raccontando in maniera semplice una storia vera, molto particolare, che sia un punto di inizio, e non di arrivo.
Le giornate sembrano non finire mai e non esistono divieti, tutto è permesso.
O almeno questo è quello che crede Simone, o meglio “Otim”, bambino italiano nato e cresciuto in Africa fino ai sette anni e poi amaramente catapultato in Italia per volere dei genitori.
Tutte le certezze, convinzioni e abitudini saranno smentite, poichè l’Italia non è l’Africa. E’ con queste premesse che si snoda la storia di autobiografica di Simone.
Partendo dall’incontro dei suoi genitori in Italia sino alla sua nascita, dalla prima infanzia alle prime amicizie a scuola, il tutto sotto il sole d’Africa, fino al ritorno in madre patria e poi verso l’adolescenza e l’età adulta.
Un viaggio iniziatico lungo le tappe della crescita di un bambino, apparentemente come tutti gli altri, ma in balia di straordinari eventi e di un fato che gli regalerà momenti irripetibili.

Cortometraggio

Guarda il cortometraggio tratto dal libro realizzato da Simone Riccioni e Alessandro Valori.

Universitari: l’intervista al Messaggero

Intervista

Simone Riccioni, 25 anni appena compiuti, nato in Uganda dove ha vissuto i primi dieci anni con il papà medico anestesista e la mamma insegnante in missione in Africa, risiede a Corridonia, in provincia di Macerata. Dal piccolo comune marchigiano al grande cinema passando per spot pubblicitari, apparizioni in fiction e sulle passerelle. E’ il protagonista di “Universitari – Molto più che amici”, l’ultimo film di Federico Moccia, al cinema dal 26 settembre in oltre 600 sale italiane. Riccioni racconta l’emozione per il primo film importante, l’incontro con Moccia, i rapporti con le sue Marche, gli anni della scuola dai Salesiani di Macerata, e come è riuscito a diventato un attore. (servizio di Federico De Marco – da Messaggero.it)